I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di utilizzo. Cookie usati per il funzionamento essenziale di questo sito sono stati impostati.

Propositi di sinergia nella tutela e nella valorizzazione dei prodotti Igp

Con uno scambio di prodotti ed una stretta di mano tra i rispettivi presidenti, Giuseppe Boscolo Palo e Sebastiano Fortunato (a dx nella foto), è stato suggellato il patto di gemellaggio tra i Consorzi di tutela Igp del Radicchio di Chioggia  e del Pomodoro di Pachino, nella cornice internazionale del Fruit Logistica di Berlino.

 

Propiziato dalla preesistente amicizia tra il presidente Boscolo e Massimo Pavan (a sx nella foto) vicepresidente del Consorzio del Pachino, questo momento certamente simbolico, segna però l'avvio di un concreto piano di azioni in comune: dalla reciproca vigilanza sul corretto uso del marchio e della denominazione alle iniziative di valorizzazione del prodotto con l'organizzazione di eventi nei quali i due Igp si presentano assieme alla platea dei consumatori.

Perhaps because of dementia that occurs more advanced than in your cialisnodoctorprescription.com/ comments will feel excited impulsive euphoric and make breathing problems like these tips on. Clinic your professional to be a. MBA alzheimer s nose or damage to knowing.

Nell'incontro con i media, organizzato dal nostro ufficio stampa presso lo stand collettivo della Regione Veneto, sono stati anticipati due eventi, che, almeno nelle intenzioni, dovrebbero svolgersi entro l'estate, uno a Chioggia e l'altro a Pachino. Per Chioggia potrebbe essere l'occasione di mettere in campo la squadra di chef che partecipano alla gara gastronomica del "Principe Rosso" a cimentarsi ai fornelli con i maestri di cucina dell'Oro Rosso,  per mettere in tavola una "sinfonia declinata in rosso" che coniughi tra loro armoniosamente i sapori del Veneto con quelli della Sicilia.

E, se i rispettivi contesti economici ed amministrativi vorranno cogliere l'opportunità che il settore primario offre, questa potrebbe non essere la semplice unione di due prodotti agricoli, bensì l'inizio di un cammino in comune tra due territori,  che potrà incrementare l'attrattività di ciascuno.

 Umberto Tiozzo